Piattaforme di crowdfunding, quali vantaggi?
di Marinella Zetti. Contributor, scrivo di start up e innovazione.
3/12/2018
L’ingresso del mondo della finanza nell’universo digitale ha dato vita ad una serie di servizi innovativi, le imprese avventuratesi nel fintech – o tecno finanza- stanno pian piano facendo ombra alle più grandi figure istituzionali.
 

Basti pensare alla continua nascita dei metodi di pagamento senza collegamenti a istituti bancari, passando per le nuove valute “elettroniche” fino alla raccolta ed investimento di capitali attraverso le piattaforme di crowdfunding. 



Il portafoglio elettronico suona ancora come un argomento nuovo, ma quasi 10 anni fa, nel 2009, PayPal, la leader del settore, aveva già raggiunto 71 miliardi di dollari di volume transato.
 Però dall’inizio del 2018 l’argomento che sta spopolando su tutte le bacheche Facebook è quello delle piattaforme di raccolta online, ovvero il crowdfunding.

 Ed ora entriamo nel vivo e parliamo di vantaggi.


Le opportunità legate alle piattaforme di crowdfunding sono tendenti all’infinito, infatti hanno trovato applicazione in tutti i settori di mercato.
 Di pari passo con le opportunità nascono tantissime domande rivolte alla tecnologia, ai vantaggi legati a queste piattaforme e al loro funzionamento.

Per iniziare, vediamo i principali vantaggi sia per chi propone un progetto, quindi necessita di capitali, sia per chi investe in quelli già presenti sulla piattaforma.

Il proponente del progetto, indipendentemente dal mercato in cui si colloca, superando i “controlli di piattaforma” – in sintesi un business plan solido- potrà raccogliere capitali privati, aumentare la visibilità del progetto, promuovere indirettamente l’azienda ed attirare l’attenzione di investitori professionisti, tutto questo attraverso delle interfacce grafiche user friendly. 

Gli utenti-investor avranno la possibilità di investire nei progetti presenti sulla piattaforma attraverso la compilazione di un modulo online, collegando direttamente una modalità di pagamento valida.

Ogni progetto per essere caricato dovrà superare una valutazione approfondita, proprio per tutelare il capitale e l’investitore.
 Tutto questo sarà proposto in una documentazione specifica, accessibile a tutti gli utenti.


Infine, ogni utente potrà differenziare l’investimento del proprio capitale su progetti con rischio rendimento differente.
Iniziate a comprendere i vantaggi di questo aspetto del fintech?
 Vi piacerebbe farne parte?

Pazientate ancora un pochino, sta per nascere Recrowd, una piattaforma 
che vi consentirà di operare nel mondo del crowdfunding.

Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere gli articoli settimanali.
Recrowd srl - Via D. Scarlatti 26, Milano 20124 | Privacy policy | Cookie policy